Carnello e S. Giuliano: i residenti chiedono maggiore attenzione

955 0

I residenti dei quartieri periferici chiedono maggiori attenzioni, questa volta le segnalazioni sono giunte da Carnello e da S. Giuliano.

Per quanto concerne Carnello i residenti hanno rappresentato i problemi che chiunque può riscontrare facendo una passeggiata dalla piazza di Carnello verso via Ruscitto, soprattutto passando da Via Molino e Vicolo Molino.

Carnello – sponde del Fibreno

Carnello foto 2

Il manto stradale è fatiscente e pieno di buche, alcune di queste sono molte profonde e rappresentano una vera insidia per chi percorre la strada. I residenti, oltre agli interventi di manutenzione stradale chiedono una migliore regolamentazione del traffico nei pressi di Via Molino, Vicolo Molino e via Stella per mezzo dei sensi unici, nonché una maggiore presenza della polizia locale per regolamentare meglio il traffico, anche in considerazione del fatto che nella zona si verificano con un certa frequenza degli incidenti a causa della pericolosità degli incroci.

Nella zona della piazza di Carnello vi è un cassonetto per la raccolta degli indumenti che è stato collocato di fronte alle strisce pedonali, restringendo il marciapiede, e rendendo più difficile ai diversamente abili poter salire o scendere dallo stesso per poter attraversare la strada. Il cassonetto, inoltre, è posto davanti ad uno spazio per le pubbliche affissioni ormai  rotto da svariato tempo, e surrogato di fatto dalla pensilina della vicina fermata degli autobus.

Il problema del decoro riguarda anche il vicino ponte che necessita di manutenzione e le sponde del Fibreno che avrebbero bisogno di un taglio delle vegetazione.

Per quanto concerne S. Giuliano – senza voler aggiungere nessuna considerazione – è sufficiente vedere le foto che i residenti hanno inviato.

S. Giuliano – Foto 1

S. Giuliano – Foto 2

S. Giuliano – Foto 3

Il malcontento tra i cittadini di entrambi i quartieri è tangibile, si è consapevoli che interventi rapidi e risolutori saranno di difficile applicazione. Si chiede, comunque, che vengano almeno pianificati e programmati dei lavori minimi, da svolgere con una certa periodicità, per scongiurare un’eventuale peggioramento della situazione ovvero rispristinare un minimo di decoro.

Con l’occasione si porgono cordiali saluti.

Sora, 12 dicembre 2017

Il Portavoce

Fabrizio Pintori

Commenti

comments