Aumento tariffe asilo nido comunale: non si mettano le mani nelle tasche dei sorani.

527 0

L’aumento delle tariffe dell’asilo nido comunale ha provocato forti reazioni nella cittadinanza. Nonostante l’Assessore Di Ruscio abbia dichiarato che “tale adeguamento è un atto assolutamente necessario per garantire la continuità di un servizio fondamentale per le famiglie, che in assenza di un ritocco sarebbe divenuto insostenibile per le casse comunali” si è di fronte ad una vera e propria stangata a carico delle famiglie più bisognose (si veda il link: http://www.sora5stelle.it/tariffe-asilo-nido-aumenti-dal-25-al-100-le-fasce-isee-piu-basse-altro-bilancio-sociale/ ).

L’Amministrazione De Donatis, ed in primis proprio l’Assessore alle Politiche Sociali Di Ruscio, dovrebbe chiarire perché in un periodo di crisi economica a pagarne le conseguenze debbano essere i soggetti più deboli.

Alla luce delle difficoltà che vivono molte famiglie dovute al perdurare delle crisi economica sarebbe stato auspicabile un comportamento oculato da parte dell’attuale Amministrazione per cercare di utilizzare le risorse disponibili al fine di fornire risposte ai veri problemi della cittadinanza. Invece, il Sindaco non ha rinunciato – esattamente come il suo predecessore – ad avere uno staff (si veda il link: http://www.sora5stelle.it/come-spendere-male-120-000-euro-dei-contribuenti-sorani/), il cui costo grava sulle casse comunali. Tra l’altro, senza voler innescare alcun tipo di polemica, è bene ricordare il fatto inconfutabile che il componente dello staff del Sindaco attualmente in servizio era candidato in una lista elettorale a sostegno di De Donatis.

In momenti difficili un amministratore avveduto e realmente sensibile ai problemi dei suoi cittadini avrebbe dovuto compiere delle rinunce a favore dei più deboli.

Le perplessità sono molte, ad esempio, era proprio necessario spendere circa 10.000 € per il documentario intitolato “Lùcela”, del quale non si hanno più notizie? Era necessario assumere due Dirigenti? E’ opportuno avere un Organismo Interno di Valutazione di tre componenti (per una spesa annua di circa € 28.000) quando altri Comuni fanno ricorso ad un organo monocratico?

I problemi dei cittadini vanno affrontati con misure efficaci. Se, come affermato in Consiglio Comunale dall’Assessore Di Ruscio, una parte del problema è causato da chi fornisce dichiarazioni ISEE non veritiere, perché al posto di effettuare i controlli a campione non si controllano tutte le domande presentate per godere delle tariffe agevolate per l’asilo nido?

Solo un’ultima curiosità, l’aumento delle tariffe è stato disposto dalla Giunta Comunale con una Delibera (la n. 113/2018) che non è stata ancora pubblicata sull’albo pretorio del Comune, eppure l’ufficialità dell’aumento si è avuta nell’ultima seduta del Consiglio Comunale quando la maggioranza guidata dal Sindaco De Donatis ha approvato il Documento Unico di Programmazione (DUP).

Allo scopo di discutere e affrontare il tema dell’aumento delle tariffe dell’asilo nido con la cittadinanza, il M5S Sora invita tutti coloro che sono interessati a partecipare all’incontro pubblico che si svolgerà come di consueto presso il Bar Liri in via Marsicana, il prossimo venerdì 11 maggio, dalle ore 21.15.

Con l’occasione si porgono cordiali saluti.

Sora, 7 maggio 2018

Il Portavoce

Fabrizio Pintori

Commenti

comments